La Cantina di Monticello

La Cantina di Monticello

La Cantina di Monticello

NOVITÀ BIRRE ARTIGIANALI

Nuove Birre

Versinthe Absinthe

~ Liquoristerie de Provence ~

Colore: Alla vista è cristallino, quasi trasparente
Profumo: Al naso è potente e intenso, con forti note di anice stellato, spezie ed erbe aromatiche
Gusto: Al palato si riconferma potente, equilibrato, setoso, coerente con gli aromi al naso percepiti, piacevolmente zuccherino fresco e amaro allo stesso tempo
Formato bottiglia: 70 cl.
Gradazione alcolica: 45% Vol.

Versinthe Absinthe Liquoristerie de Provence
Categoria:

Sebbene Versinthe Absinthe non sia forte come molti assenzio (sono spesso visti seduti intorno al 60% Vol), l’assenzio Versinthe contiene ancora una dose abbondante di anice stellato, erbe e note piacevolmente amare. È anche un assenzio piuttosto dolce, il che potrebbe spiegare perché l’etichetta è stata progettata per assomigliare a un cucchiaio di zucchero.

Nel cuore della regione di Aix en Provence, nel sud della Francia, la Liquoristerie de Provence si è dedicata negli anni alla riscoperta e alla valorizzazione dei tradizionali aperitivi e liquori provenzali, nello spirito degli antichi mastri distillatori del luogo.

Metodi, sensazioni e profumi di cui si era perso quasi il ricordo, e che il Liquorista della Casa, Marc Villacèque, ha riportato alla ribalta per gli estimatori di tutto il mondo. Versinthe, il prodotto più rappresentativo della Liquoristerie de Provence, combina la freschezza amara delle piante di assenzio con la macerazione di più di venti erbe diverse.

Per fare ciò, ogni essenza viene essiccata, singolarmente lasciata in infusione in alcool e successivamente pressata con delicatezza. Solo con questo metodo la pianta libera il suo “spirito profumato” che amalgamerà successivamente, secondo un’alchimia segreta, con le altre essenze.

È un procedimento lungo e minuzioso che vede come componente imprescindibile il tempo, infatti durante l’affinamento si fondono gli aromi e si crea l’equilibrio. Tradizionalmente, i sottili aromi del prodotto vengono esaltati dall’aggiunta di acqua fresca, dalle sei alle dieci volte il suo volume, oppure liscio, come digestivo.

Versinthe Absinthe è oggi considerato uno dei prodotti alcolici di migliore qualità al mondo, fanno fede i numerosi riconoscimenti già ottenuti in diversi Paesi: doppia medaglia d’oro a San Francisco, punteggio di 95/100 da parte della rivista “ Wine Enthusiast”, punteggio di 88/100 da parte della rivista “Tasting “, 4stelle da parte della rivista “ Spirit Journal”, Alcolico dell’anno 2001 per la rivista “Wine Enthusiast”, Bevanda dell’anno 2001 per la rivista “Food & Wine”, gran menzione della rivista “La Revue du Vin de France”. Direi non male!

Il liquore di Assenzio nasce intorno al 1700-1800 a.C. pare dagli egiziani come bevanda, alcuni racconti si trovano addirittura nelle sacre scritture e verrà utilizzato nel 150 a.C. anche come insetticida per i campi.

Ce ne parla Plinio e Plutarco che era solito girare con un bastone cavo pieno di assenzio, ogni tanto toglieva il tappo e si faceva il suo sorsetto. Finchè nel ‘800-‘900 avviene una vera e propria riscoperta di questa bevanda che diventa un vero e proprio cult.

Manet gli dedicherà un quadro “L’Assenzio”, Lucrezio scriverà dei canti su questa bevanda e praticamente tutti gli intellettuali ed artisti (Gauguin, Allan Poe, Picasso, Crowley, Verlaine, Rimbaud, Monet, Baudelaire, Wilde, Lautrec, Van Gogh) ne facevano uso. Si dice anche che Van Gogh si recise l’orecchio in preda ad una crisi da intossicazione di Assenzio.

Versinthe, il prodotto più rappresentativo della Liquoristerie de Provence, combina la freschezza amara delle piante di assenzio con la macerazione di più di venti erbe diverse. Tradizionalmente, i sottili aromi del prodotto vengono esaltati dall’aggiunta di acqua fresca, dalle sei alle dieci volte il suo volume, oppure liscio, come digestivo.

Versinthe Absinthe Liquoristerie de Provence
TASTO DESTRO DISABILITATO