La Cantina di Monticello

La Cantina di Monticello

METTI LIKE E CONDIVIDI CON I TUOI AMICI...

Grado Plato

Grado Plato Birra

Grado Plato

Esistono diversi tipi di birre classificate secondo le loro caratteristiche peculiari.
Molti si saranno chiesti spesso cosa significhino le definizioni “birra light” o “birra doppio malto” che si trovano sulle bottiglie.
Oggi scopriamo nel dettaglio la normativa relativa alla classificazione delle birre.

Il "grado Plato" e la formula di Balling per la classificazione delle birre

In Italia, questo settore è regolamentato dal Decreto del Presidente della Repubblica del 30 giugno 1998 n. 272, che definisce le modificazioni alla normativa sulla produzione e sul commercio della birra. Per legge le birre devono essere classificate non in gradi alcolici, bensì in gradi saccarometrici, o “grado Plato“, nonostante in etichetta venga indicato il contenuto alcolico in volume, ovvero attraverso la concentrazione di zucchero. Il “grado Plato” e la gradazione alcolica nella birra, sono direttamente proporzionali: ciò significa che quando il primo aumenta, aumenta anche la seconda, secondo una complessa proporzione calcolata tramite la “formula di Balling“. Per rendere l’idea, generalmente si considera che 3 gradi saccarometrici corrispondano orientativamente a 1 grado alcolico.

Le 5 categorie di birra secondo la classificazione italiana

Al variare del “grado Plato” l’articolo 2 del Decreto di cui sopra individua 5 categorie di birra:

Birra analcolica: una birra con grado Plato in volume non inferiore a  3 e non superiore a 8.
Birra leggera o birra light: birra con grado Plato in volume non inferiore a 5 e non superiore a 11
Birra: denominazione riservata  al prodotto con  grado Plato in volume superiore a 11
Birra speciale: birra che ha grado Plato in volume superiore a 13
Birra “doppio malto”: birra con grado Plato in volume superiore a 15

La “doppio malto” è quindi una classificazione tipicamente italiana e non ha nulla a che vedere, dunque, con la quantità e la qualità del malto contenuta nella bevanda: l’importante, per avere tale classificazione, è il grado saccarometrico maggiore di 15.

Tabella Grado Plato Birra

Nota: la tabella riporta la dicitura Birra Doppio Malto che, è bene ribadirlo, è un’invenzione del legislatore. Non si riferisce a nessun stile birrario, ma a una semplice denominazione per indicare birre con un determinato grado alcolico.

Fonte: Hello Taste

Tasto destro disabilitato!!!